L’ASSICURAZIONE AUTO GUIDA LA CLASSIFICA DEI RINCARI

Secondo gli indici Istat dei prezzi al consumo

Su 207 voci di prodotto considerate dall’Istat per il calcolo dell’indice generale dei prezzi al consumo per l’intera collettività nazionale, quella che ha avuto, dal 1995 all’ottobre scorso, l’incremento maggiore è stata l’assicurazione sui mezzi di trasporto.

Secondo una elaborazione presentata oggi dal Centro Studi Promotor in occasione della conferenza stampa su “La situazione e le prospettive del mercato dell’auto” tenuta in vista dell’apertura del 30° Motor Show di Bologna, l’indice dei prezzi delle assicurazioni sui mezzi di trasporto dal 1995 (anno assunto come base per il calcolo dell’indice Istat) all’ottobre scorso è aumentato del 132,5% contro una crescita dell’indice generale dei prezzi del 27,5%.

Al secondo posto nella poco lusinghiera graduatoria dei rincari si piazzano i servizi di bancoposta con una crescita del 123,1%, al terzo posto l’istruzione secondaria (+107,6%), al quarto le sigarette italiane (+87%) e al quinto i servizi bancari (+70,6%).

Il livello dei prezzi per l’assicurazione dei mezzi di trasporto – secondo il Centro Studi Promotor – è un notevole ostacolo all’entrata sul mercato dell’automobile dei giovani e contribuisce ad abbassare la soglia di uscita dal mercato degli anziani. La situazione italiana dell’assicurazione sui mezzi di trasporto, con premi certamente tra i più elevati del mondo, ha quindi un ruolo fortemente penalizzante per lo sviluppo del mercato automobilistico.

Allegati:

Tabella indici Istat