FEBBRAIO DEBOLE PER I VEICOLI COMMERCIALI

Anche per i veicoli commerciali il meccanismo degli incentivi alla rottamazione si avvia faticosamente. Secondo i dati diffusi oggi, dopo la crescita del 7,2% in gennaio, in febbraio il mercato ha fatto registrare un incremento del 2,12%, che è largamente inferiore alle attese in quanto gli incentivi avrebbero dovuto fornire un forte impulso alla domanda stimolando la rottamazione dei mezzi più vecchi. Operazione questa di cui si avverte una forte necessità, in quanto i veicoli commerciali hanno un ruolo fondamentale anche per l’approvvigionamento dei centri storici, cioè delle aree più a rischio di inquinamento.

Sulla partenza lenta degli incentivi alla rottamazione per i commerciali incide probabilmente anche un minore impegno pubblicitario e promozionale delle case automobilistiche, che sono fortemente impegnate a promuovere gli incentivi alla rottamazione per le autovetture.
Venendo ai dati di febbraio continua la crescita dei prodotti nazionali la cui quota di mercato è salita al 55,97% contro il 52,69% del 2006. I principali marchi nazionali sono tutti in crescita con incrementi del 9,1% per Fiat, del 9% per Iveco e del 4,75% per Piaggio. Tra i marchi importati buoni risultati conseguono Mitsubishi (+85,4%), Volkswagen (+53,4%), Citroen (+18,8%) e Opel (+4,2%).