CRESCONO DELL’8,5% LE IMMATRICOLAZIONI AUTO IN OTTOBRE

Grazie agli incentivi alla rottamazione e alla ripresa dell’auto aziendale

In ottobre sono state immatricolate 205.317 autovetture con una crescita dell’8,5%, che è indubbiamente significativa, anche considerando che nel mese scorso vi è stato un giorno lavorativo in più rispetto all’ottobre 2006. E’ dunque superata la situazione di stallo che si era delineata in settembre, dopo che il mercato aveva fatto registrare nei primi otto mesi dell’anno una crescita del 7,3% dovuta agli incentivi alla rottamazione. Gli incentivi sono ancora in vigore e proprio in ottobre le case automobilistiche hanno intensificato promozioni e comunicazione sull’argomento. E ciò puntando sul fatto che, non essendo stati riproposti nella Finanziaria attualmente in discussione, gli incentivi scadranno il 31 dicembre per quanto riguarda gli ordini e il 31 marzo 2008 per le immatricolazioni delle auto ordinate entro il 31 dicembre. Vi dovrebbe quindi essere una corsa agli incentivi negli ultimi mesi dell’anno da parte di coloro che intenderanno valersi di questa opportunità. La risposta del mercato alle sollecitazioni di case e concessionari ha cominciato così a delinearsi già in ottobre e dovrebbe prendere corpo in novembre e dicembre.

Sulla propensione all’acquisto di automobili incide certamente il deterioramento del quadro economico internazionale ed italiano e il timore di possibili ulteriori sviluppi sfavorevoli. Dal clima di fiducia dei consumatori non vengono tuttavia segnali negativi. L’indicatore determinato dall’Isae era in calo da febbraio, ma in settembre ha invertito la rotta e in ottobre fa registrare un ulteriore miglioramento. E segnali negativi non vengono neppure dall’indicatore di fiducia degli operatori del settore automobilistico determinato dal Centro Studi Promotor. In ottobre viene infatti sostanzialmente confermato il miglioramento del clima di opinione verificatosi negli ultimi mesi.

Anche dall’inchiesta congiunturale mensile condotta a fine ottobre dal Centro Studi Promotor vengono indicazioni abbastanza positive. L’affluenza di visitatori nei saloni di vendita dei concessionari resta lontana dai livelli toccati all’inizio dell’anno in occasione del lancio degli incentivi, ma è comunque in ripresa. In ottobre dichiara livelli di affluenza normali o alti il 61% dei concessionari, contro il 58% di settembre e il 40% di luglio. Anche per gli ordini il quadro è in miglioramento. L’acquisizione in ottobre è stata normale o alta per il 50% dei concessionari contro il 44% di settembre e il 35% di luglio. Per quanto riguarda, poi, le attese per i prossimi tre-quattro mesi la quota dei concessionari che prevedono domanda stabile o in aumento tocca il 75%.

In sintesi il mercato dell’auto gode al momento di buona salute e ciò sia perché la domanda è sostenuta dagli incentivi alla rottamazione sia perché vi è una ripresa degli acquisti delle imprese determinata dalla ridefinizione in senso favorevole per il contribuente del trattamento fiscale dell’auto aziendale.