CRESCE IL MERCATO EUROPEO DELL’AUTO IN MAGGIO

Continua il recupero del gruppo Fiat in Europa

Cresce anche in maggio il mercato europeo dell’auto. Nei 18 mercati della parte occidentale del continente sono state immatricolate 1.240.539 autovetture con una crescita dell’1,2%. Questo incremento è inferiore a quello fatto registrare in aprile (+6,9%) perché nella maggior parte dei paesi nel maggio scorso vi è stato un minor numero di giorni lavorativi rispetto allo stesso mese dello scorso anno. Il consuntivo dei primi 5 mesi del 2004 chiude a quota a 6.428.264 con un incremento del 2,8% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Questo tasso di crescita è in linea con la previsione elaborata dal Centro Studi Promotor, che ha ipotizzato per l’intero 2004 un volume di immatricolazioni nei 18 paesi dell’area occidentale del continente di 14.600.000 unità (+2,7%). Il risultato complessivo dell’area deriva da andamenti anche fortemente differenziati tra i diversi paesi. Considerando i cinque principali mercati, in maggio l’incremento maggiore si registra in Italia (+12,1%), seguono la Spagna (+8,9) e la Francia (+4,8%), mentre in calo è il mercato del Regno Unito (-2,8%) e soprattutto quello della Germania, che è il principale mercato europeo ed in maggio accusa una contrazione del 7,3%. Considerata l’importanza dell’area e i volumi assoluti di vendita raggiunti, un tasso di crescita intorno al 3%, come quello realizzato nei primi 5 mesi, può essere considerato soddisfacente, tanto più che il quadro economico complessivo è ancora debole ed in particolare la fiducia dei consumatori rimane su livelli depressi nella maggior parte dei paesi.

Analizzando l’andamento per marche e gruppi, va segnalato che continua la crescita delle marche giapponesi e coreane, favorite anche dalla quotazione molto elevata raggiunta dall’euro. Particolarmente significativo è comunque il fatto che continua il recupero del gruppo Fiat. In maggio la quota di mercato dei marchi italiani è arrivata al 7,4% contro il 7,2% del maggio 2003, mentre il consuntivo dei primi 5 mesi chiude con una quota del 7,9% contro il 7,8% dello stesso periodo del 2003.

Particolare interesse destano nei dati diffusi oggi, oltre alle immatricolazioni dei 18 paesi dell’Europa occidentale, anche i risultati relativi agli otto principali nuovi membri dell’Unione Europea. Globalmente considerati in maggio fanno registrare una contrazione di vendite del 5,6% dovuta a cali in Polonia e Repubblica Ceca. Nel consuntivo dei primi 5 mesi le immatricolazioni degli otto paesi salgono comunque del 9,7%.