CRESCE IL MERCATO DELLA PERSONALIZZAZIONE DELL’AUTO

Mentre cala la domanda di autovetture

Nel 2004 gli italiani hanno speso 1.280 milioni di euro per personalizzare dopo l’acquisto le loro autovetture. Il dato è stato fornito nel corso della conferenza stampa tenuta dal Centro Studi Promotor in occasione dell’inaugurazione di My Special Car Show, Salone dell’Auto Speciale e Sportiva che resterà aperto nel quartiere fieristico di Rimini fino al 3 aprile. Rispetto al 2003 il fatturato del settore della personalizzazione delle auto è aumentato del 6,8%. Si tratta di un tasso di crescita decisamente superiore a quello delle immatricolazioni di autovetture che nel 2004 hanno fatto registrare un incremento contenuto nello 0,5%. Secondo il Centro Studi Promotor inoltre la crescita del settore della personalizzazione dell’auto dovrebbe continuare nel 2005 con un tasso del 9%. Secondo una rilevazione condotta dallo stesso Centro Studi Promotor nel quadro della inchiesta congiunturale mensile sul mercato dell’automobile, il 39% dei concessionari contestualmente all’ordine della vettura o successivamente riceve richieste di dispositivi non proposti come optional dalle case che riguardano impianti audio e video, cerchi e gomme, navigatori e componenti estetici interni ed esterni. Sulla crescita del settore della personalizzazione non dovrebbero influire le difficoltà del mercato automobilistico che si stanno delineando sempre più chiaramente. Dopo otto anni con vendite su livelli decisamente elevati, il mercato italiano è entrato nel secondo semestre 2004 in una fase di rallentamento che sembra destinata ad accentuarsi nel 2005.

Nel primo bimestre di quest’anno vi è stato infatti un calo delle immatricolazioni del 4,3%. I dati di marzo verranno resi noti oggi alle 18 e potrebbero mettere in luce un ulteriore indebolimento della domanda. L’andamento negativo non riguarda tuttavia le vetture di lusso né alcune nicchie di mercato, come quella della personalizzazione delle auto che punta su un pubblico con una forte propensione alla spesa per l’autovettura. Secondo il Centro Studi Promotor la domanda di personalizzazione potrebbe accelerare notevolmente qualora venissero rimossi i vincoli normativi che, a differenza di quanto avviene in altri paesi europei (come ad esempio la Germania), rendono particolarmente difficile omologare in Italia soluzioni per personalizzare l’auto. Su questo argomento è previsto oggi, sempre nel quadro della giornata inaugurale di My Special Car Show, l’intervento del sottosegretario al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, on. Paolo Mammola, che prima del taglio del nastro trarrà le conclusioni del convegno inaugurale sul tema “Personalizzazione dell’auto: le regole di oggi e le possibili regole di domani”. Tra gli operatori presenti a My Special Car Show vi è grande attesa per l’intervento dell’on. Mammola che potrebbe aprire nuove interessanti prospettive di sviluppo, con la possibilità che si inneschi una fase di crescita a due cifre delle vendite in Italia.