CHIUDE IN BELLEZZA IL MERCATO DEI VEICOLI COMMERCIALI

Con 253.000 vendite e una crescita del 7,8% sul 2006

Chiude in bellezza il mercato italiano dei veicoli commerciali facendo registrare un volume complessivo di consegne di 252.894 veicoli con una crescita del 7,8% rispetto al 2006. Decisamente positivo il risultato di dicembre (+11,6%). Si conclude così un secondo semestre molto favorevole che consente di recuperare ampiamente la partenza fiacca dei primi mesi del 2007. Il risultato dell’intero anno è dovuto essenzialmente agli incentivi alla rottamazione, che hanno fornito un supporto significativo alla domanda. Come è noto, gli incentivi alla rottamazione sono stati rinnovati anche per i veicoli commerciali e questa circostanza consente di guardare con fiducia al 2008.

Positive sono infatti le indicazioni che emergono dalla inchiesta trimestrale condotta dal Centro Studi Promotor sul mercato dei veicoli commerciali a fine dicembre. Non solo i concessionari esprimono giudizi molto favorevoli sull’andamento delle consegne, che sono state normali o alte per l’84% degli operatori, ma anche le indicazioni sulla acquisizione di ordini sono decisamente positive: la raccolta viene infatti giudicata normale o alta dall’80% degli interpellati. Buone anche le attese per i prossimi tre-quattro mesi. Il 72% dei concessionari pensa che le vendite si manterranno su livelli alti o quantomeno stabili sugli elevati volumi attuali. Sempre in tema di previsioni, i concessionari si attendono moderati ritocchi dei prezzi e si dichiarano abbastanza soddisfatti per la remuneratività del business dei veicoli commerciali, che offre margini decisamente più interessanti di quelli del mercato delle autovetture.

Positivo anche il quadro che emerge dalla inchiesta congiunturale del Centro Studi Promotor sui veicoli commerciali usati. In dicembre il livello delle consegne è stato normale o alto per il 67% dei concessionari, anche se l’attività di vendita è stata in qualche modo limitata da una scarsa disponibilità di prodotto. Il 31% degli interpellati dichiara infatti bassi livelli di usato disponibile. Buone, e comunque migliori rispetto a quelle relative ai veicoli commerciali nuovi, sono le valutazioni sulla remuneratività del business. Ed infine, per quanto riguarda le previsioni per i prossimi mesi, l’89% dei concessionari ipotizza domanda stabile e l’82% dichiara di attendersi stabilità anche per i prezzi.