BOOM IN GIUGNO PER LE VENDITE DI VEICOLI COMMERCIALI

In giugno sono stati venduti 22.929 veicoli commerciali con portata fino a 3,5 tonnellate. Rispetto allo stesso mese del 2005 vi è una crescita del 18% che fa seguito a un incremento del 32,8% registrato in maggio. La situazione per i veicoli commerciali appare dunque oggi molto positiva e conferma che nel 2006, dopo una partenza fiacca, il mercato di questi tipici beni di investimento ha imboccato la via della ripresa. Il consuntivo del primo semestre si chiude infatti con 121.908 autoveicoli consegnati e quindi con una crescita del 11,47% rispetto allo stesso periodo del 2005.

Questo andamento positivo dovrebbe proseguire anche nei prossimi mesi. Dall’inchiesta congiunturale trimestrale condotta dal Centro Studi Promotor emerge infatti che l’85% dei concessionari si attende a tre-quattro mesi vendite stabili sui buoni valori attuali o in aumento. Sempre dalla rilevazione del Centro Studi Promotor emerge anche un miglioramento nelle valutazioni sulle acquisizioni di ordini. A fine giugno il livello della raccolta viene giudicato normale o alto dal 45% dei concessionari contro il 31% del giugno 2005. Migliorano nettamente anche la valutazioni sulla remuneratività del business che viene valutata su livelli normali dal 49% dei concessionari contro il 29% di un anno fa e che viene ritenuto in ulteriore miglioramento nei prossimi mesi.

Queste indicazioni confermano l’esistenza di un responsabile ottimismo sulle prospettive del settore da parte dei concessionari, ottimismo che appare coerente con le indicazioni che scaturiscono dalle rilevazioni dell’Isae sulla fiducia degli operatori economici. In giugno l’indicatore di fiducia delle imprese manifatturiere fa registrare un ulteriore incremento che prosegue la tendenza positiva iniziata nella seconda metà del 2005. Sempre in giugno migliora anche la fiducia degli operatori delle aziende dei servizi di mercato, mentre l’ultimo dato relativo agli operatori del commercio mostra in maggio un lieve peggioramento che non mette però in discussione la tendenza positiva delineatasi a metà 2005. E’ del tutto evidente l’importanza degli indicatori di fiducia degli operatori per le decisioni di acquisto di tipici beni di investimento come i veicoli commerciali e d’altra parte lo stesso andamento delle vendite di veicoli commerciali costituisce un indicatore sull’evoluzione del ciclo economico da cui negli ultimi mesi del 2006 vengono segnali sicuramente positivi.