BENE I VEICOLI COMMERCIALI IN GENNAIO

Nonostante la fine della Tremonti-Bis 

Previsioni smentite in gennaio per il mercato dei veicoli commerciali con portata fino a 3,5 tonnellate. Dopo l’eccezionale volume di vendite del 2002, dovuto in buona misura all’impulso della Tremonti-Bis scaduta il 31 dicembre, ci si attendeva che le vendite subissero un drastico ridimensionamento nel 2003. Per ora non sta andando così. Le consegne a clienti in gennaio sono state 18.308 con una crescita, limitata ma significativa, dell’1,26%. La buona tenuta del mercato dei commerciali in gennaio, nonostante il mancato rinnovo della Tremonti-Bis e le difficoltà dell’economia, è indubbiamente un segnale positivo. Va inoltre registrato che continua la tendenza favorevole, già delineatasi nel 2002, che vede in forte crescita soprattutto i veicoli commerciali di produzione italiana. In gennaio le consegne di questi veicoli fanno infatti registrare una crescita del 18,02%, mentre i prodotti importati accusano una contrazione del 13,82%.

Un quadro abbastanza favorevole per il comparto dei veicoli commerciali emerge anche dall’inchiesta congiunturale mensile sui concessionari che distribuiscono veicoli commerciali condotta dal Centro Studi Promotor. A fine gennaio gli operatori che ipotizzano per i prossimi tre-quattro mesi domanda stabile sui buoni livelli attuali o in aumento sono il 77%, mentre in dicembre il valore corrispondente era pari al 44%. La buona tenuta del mercato dovrebbe trovare supporto anche in una situazione di sostanziale stabilità dei prezzi. Ben l’82% dei concessionari ritiene infatti che nel breve termine i listini dovrebbero rimanere invariati.